Termini, frasi e definizioni di dipendenza

Un elenco completo di termini e frasi comuni relativi alla dipendenza da droghe e alcol e alle opzioni di trattamento.

  • Astinenza: Astenersi da ulteriori usi di droghe.
  • Paracetamolo: Antidolorifici (ad es. Tylenol) usati per trattare mal di testa, dolori muscolari, mal di testa, ecc.
  • ACOA: Un gruppo di supporto per figli adulti di alcolisti.
  • Tossicomane: Un termine gergale stigmatizzato per un individuo con un disturbo di dipendenza.
  • Valutazione delle dipendenze: Un modo per determinare la presenza e la gravità della dipendenza chimica in un cliente (considera fattori sociologici, psicologici, fisici e familiari, ecc.).
  • Trattamento della dipendenza: mira a ridurre la dipendenza.
  • Dipendenza: Un'attività ripetuta che provoca continuamente danni a se stessi o agli altri (ad esempio la presenza continua di una sostanza nel flusso sanguigno).
  • Personalità che crea dipendenza: Un tratto / tratti che si sviluppa in risposta all'uso di droghe.
  • Reazione avversa: Una reazione dannosa a un farmaco (non la reazione desiderata).
  • Affinità: La forza di un farmaco che gli permette di legarsi al suo recettore.
  • Età all'esordio: L'età in cui è iniziato il proprio comportamento di dipendenza; un fattore importante nella valutazione delle dipendenze.
  • Agonista: Un farmaco che attiva un recettore nel cervello.
  • Alcolisti Anonimi (AA): Un programma volontario che si occupa di aiutare gli alcolisti con il recupero e la sobrietà continua.
  • Alcaloidi: Composti organici prodotti dalle piante che sono i principi attivi in molti farmaci.
  • Anfetamina: Uno stimolante comportamentale; noto anche come pillole pep.
  • Analgesico: Farmaci progettati per trattare il dolore.
  • Antagonista: Una sostanza che può annullare gli effetti di un altro (un farmaco che non suscita una risposta).
  • AOD: Sta per (Alcol e altre droghe).
  • AODA: Sta per (Abuso di alcol e altre droghe).
  • Aspirina: Un agente antinfiammatorio utilizzato per alleviare il dolore.
  • Barbiturico dipendenzabarbiturico: una classe di composti sedativi-ipnotici che sono chimicamente correlati attraverso una struttura ad anello a sei membri.
  • Benzodiazepina: Un gruppo di depressivi usati per indurre il sonno, prevenire le convulsioni, produrre sedazione, alleviare l'ansia e gli spasmi muscolari, ecc.
  • Biodisponibilità: La capacità di un farmaco di entrare nel corpo.
  • Biofeedback: Uso del segnale per controllare processi fisiologici che sono normalmente involontari.
  • Livello/ concentrazione di alcol nel sangue: Il livello di concentrazione di alcol nel sangue (espresso in percentuale in peso).
  • Buprenorfina: Un oppioide agonista parziale semi-sintetico derivato dal baine; utilizzato per alleviare il dolore (ad es. Buprenex).
  • Caffeina: Un alcaloide che agisce come diuretico e stimolante (trovato in caffè, tè, ecc.).
  • Cancerogeno: Un agente chimico cancerogeno.
  • Fattori causali: Varie condizioni antecedenti che portano a problemi di dipendenza chimica individuale (ad esempio condizionamento, ambiente, genetica, ecc.).
  • Effetto soffitto: Si verifica quando il dosaggio di buprenorfina è aumentato oltre i livelli massimi e non risultano differenze.
  • Centro per il trattamento dell'abuso di sostanze (CSAT): Promuove servizi di trattamento dell'abuso di sostanze basati sulla comunità.
  • Sistema Nervoso Centrale (SNC): Il cervello e il midollo spinale.
  • Consulente certificato per la dipendenza chimica (CCDC): Gestisce i clienti nei programmi di dipendenza chimica per aiutare con il recupero dalla dipendenza
  • Cirrosi: Malattia epatica cronica.
  • Scala clinica di astinenza da oppiacei (COWS): Utilizzato per determinare la gravità dell'astinenza da oppioidi.
  • Codeina: L'agente sedativo antidolorifico contenuto nell'oppio.
  • Codipendenza: La sofferenza di un familiare o di un amico che è il risultato degli effetti collaterali della propria dipendenza; si verifica quando ci si assume la responsabilità delle azioni di un altro e aiuta quella persona a evitare di affrontare direttamente i suoi problemi per mantenere la relazione.
  • Turchia fredda: Smettere bruscamente un farmaco per scelta per cercare di smettere a lungo termine.
  • Costrizione: Un comportamento fisico che si ripete involontariamente che può essere dannoso (ad esempio, dipendenza).
  • Condizionamento: Un cambiamento comportamentale che deriva da un'associazione tra eventi.
  • Voglia: Un potente e forte desiderio/impulso per una sostanza; un sintomo degli adattamenti cerebrali anormali che derivano dalla dipendenza.
  • Intervento in crisi: L'azione intrapresa quando le proprie solite risorse di coping rappresentano una minaccia per il funzionamento individuale o familiare.
  • Dipendenza incrociata: La capacità di un farmaco di prevenire i sintomi di astinenza della propria dipendenza fisica da un altro.
  • Tolleranza incrociata: Si verifica quando la tolleranza di uno per un farmaco si traduce nella loro risposta ridotta a un altro.
  • D.O.C.:Questo sta per farmaco di scelta.
  • Negazione: L'incapacità di ammettere o realizzare la propria dipendenza o di riconoscere e accettare il danno che può causare.
  • Depressivi: Sedativi che agiscono sul SNC (ad es. per trattare l'ansia, l'ipertensione, la tensione, ecc.).
  • Depressione: Uno dei tipi più frequenti di disagio derivante dalla dipendenza; un continuo stato di tristezza che coinvolge l'incapacità di concentrazione, l'inattività, ecc.
  • Disintossicazione (Detox): Il processo del corpo che si libera da una sostanza tossica (ad esempio un farmaco).
  • Modello di malattia: Una teoria dell'alcolismo che considera la dipendenza una malattia piuttosto che un problema sociale o psicologico.
  • Malattia: Una condizione con sintomi clinicamente significativi che spesso hanno una causa nota.
  • Doctor Shopping: Si verifica quando un paziente richiede assistenza contemporaneamente da più medici a loro insaputa al fine di ricevere quantità più elevate di farmaci.
  • Dopamina: Una sostanza chimica prodotta naturalmente dal corpo; funziona nel cervello come un neurotrasmettitore per fornire sensazioni di benessere.
  • Downers: Un altro nome per i depressivi; questi farmaci possono causare stati d'animo bassi (ad es. alcol, barbiturici, tranquillanti, ecc.).
  • Abuso di droghe: L'uso di un farmaco non specificamente raccomandato o prescritto quando ci sono alternative più pratiche; quando l'uso di droghe mette in pericolo un utente o altri.
  • Tolleranza ai farmaci: Uno stato progressivo di diminuzione della reattività a un farmaco.
  • DSM-IV: Il manuale più spesso utilizzato per diagnosticare i disturbi mentali.
  • Doppia diagnosi: Condizione dei pazienti mentali quando sono anche dipendenti da qualsiasi droga che altera la mente.
  • DUI: Sta per (guida sotto influenza) (di alcol o di un'altra sostanza illecita che compromette la propria capacità di guidare).
  • DWI: Sta per (guida in stato di ebbrezza).
  • Disforia: L'opposto dell'euforia.
  • Disenergia: La tendenza di una dipendenza a causarne un'altra (ad es. droghe gateway); la tendenza di una persona dipendente a combinare sostanze.
  • Abilitante: Aiutare una persona dipendente a fare cose che può o dovrebbe fare per se stessa; provoca la progressione della malattia.
  • Oppioide endogeno: Gli oppioidi che il corpo produce naturalmente per aiutarci a tollerare il dolore.
  • Endorfine: Sostanze simili all'oppio prodotte dal cervello; antidolorifici naturali.
  • Etanolo: Il tipo di bevanda (etile) dell'alcol.
  • Euforia: Un piacevole stato di coscienza alterata; una ragione per la preferenza di un comportamento o di una sostanza che crea dipendenza rispetto a un'altra.
  • Trattamento basato sull'evidenza: Approcci terapeutici scientificamente validati.
  • Eccipiente: Una sostanza inattiva aggiunta a un farmaco per aiutare a legare il principio attivo.
  • Sindrome alcolica fetale (FAS): Difetti / anomalie alla nascita nei bambini di madri che abusano di alcol e alcol.
  • Sindrome da farmaco fetale (FDS): Difetti alla nascita / anomalie nei bambini di madri che abusano di droghe.
  • Food and Drug Administration (FDA): Amministra le leggi federali riguardanti, ad esempio, la sicurezza e l'efficacia dei farmaci.
  • Abitudine: Un termine obsoleto per dipendenza / dipendenza fisica.
  • Allucinogeno: Sostanza chimica che distorce le percezioni, a volte con conseguenti delusioni o allucinazioni.
  • Riduzione del danno: Spesso la prima fase del trattamento della dipendenza; ridurre la terapia invece di fermare il comportamento target.
  • Eroina: un agonista illecito pieno di oppioidi.
  • Idrocodone: Un efficace analgesico narcotico sviluppato per la prima volta come farmaco per la tosse.
  • Dipendenza droghe illegali / illecite: Droghe che sono illegali da produrre, usare e vendere.
  • Induzione: Fase iniziale del trattamento con buprenorfina.
  • Inflazione: La tendenza di un comportamento di dipendenza ad aumentare lentamente ma sicuramente di frequenza.
  • Intossicazione: Uno stato di essere drogato o avvelenato; risultati da abuso di alcol, barbiturici, droghe tossiche, ecc.
  • Attività intrinseca: La misura in cui un farmaco attiva un recettore.
  • Droghe legali: Droghe quotidiane non per uso medico (ad es. alcol, caffeina, carboidrati, nicotina, ecc.).
  • Manutenzione: Stabilizzazione di un paziente che assume indefinitamente la dose efficace più bassa di un farmaco.
  • Modello medico: Una teoria della dipendenza che considera la dipendenza un problema medico piuttosto che sociale.
  • Metabolismo (dei farmaci): Le reazioni chimiche e fisiche effettuate dal corpo per prepararsi all'esecuzione di un farmaco.
  • Metadone: un oppiaceo a lunga durata d'azione (prodotto sinteticamente).
  • Monoterapia: Terapia con un farmaco.
  • Morfina: Un importante sedativo / antidolorifico trovato nell'oppio.
  • Mu Agonista: Un farmaco che stimola l'attività fisiologica sui recettori delle cellule mu oppioidi.
  • Recettore mu oppioide: Recettore delle cellule nervose che media la dipendenza da oppioidi e la tolleranza attraverso l'attività indotta dalla droga.
  • Naloxone: Un antagonista oppioide che blocca gli effetti degli agonisti oppioidi.
  • Naltrexone: Un antagonista narcotico che blocca gli effetti degli oppioidi.
  • Narcotico: Un farmaco che produce sonno / sonnolenza e che allevia anche il dolore mentre è potenzialmente produttore di dipendenza.
  • National Board of Addiction Examiners (NBAE): Fornisce la certificazione per le persone nel campo delle dipendenze.
  • Rinforzo negativo: Comportamento ripetitivo per evitare qualcosa di spiacevole.
  • Neurotrasmettitore: La sostanza chimica naturale che un neurone rilascia per comunicare o influenzare un altro.
  • Nicotina: Il principale ingrediente attivo estremamente tossico del tabacco (provoca una stimolazione negativa del SNC).
  • Nonopioide: Un farmaco che non attiva i recettori degli oppioidi.
  • Ossessione: Un comportamento mentale che si ripete involontariamente che può essere dannoso (ad esempio, (bisognoso) di una bevanda alcolica).
  • Uso off-label: Uso approvato dal medico di un farmaco per usi diversi da quelli indicati sulla sua etichetta.
  • Oppiaceo: Gli ingredienti naturali del papavero e i loro derivati (oppio, morfina, codeina ed eroina).
  • Oppioidi: Forma sintetica dell'oppio.
  • Oppio: Uno dei farmaci più popolari; contenuto in rilassanti muscolari, sonniferi e tranquillanti.
  • Farmaci da banco: Farmaci legali senza prescrizione medica.
  • Ossicodone: Un medicinale usato per il sollievo del dolore da moderato ad alto.
  • Antidolorifici: Sostanze analgesiche (oppioidi e non oppioidi).
  • Agonisti parziali: Legarsi e attivare i recettori in misura minore rispetto agli agonisti completi.
  • Farmacologia: Ramo scientifico che si occupa dello studio dei farmaci e delle loro azioni.
  • Dipendenza fisica: L'adattamento fisiologico del corpo a una sostanza.
  • Placebo: Una sostanza senza elementi farmacologici che può suscitare una reazione a causa della mentalità di un paziente.
  • Abuso di polisostanza: Abuso simultaneo di più di una sostanza.
  • Sindrome da astinenza post-acuta (PAWS): Sintomi di astinenza dopo l'astinenza acuta iniziale.
  • Sindrome da astinenza precipitata: Può verificarsi quando un paziente in trattamento con oppioidi completamente agonisti assume un antagonista.
  • Farmaci da prescrizione: disponibili solo su ordine di un medico.
  • Droghe psichedeliche: Produrre uno stato mentale intensamente piacevole.
  • Droga psicoattiva: Una sostanza che altera la mente e il comportamento.
  • Dipendenza psicologica: La compulsione a usare un farmaco basato psicologicamente per piacere; può portare ad abuso di droghe.
  • Psicofarmacologia: Lo studio di come le droghe influenzano la coscienza, l'umore, la sensazione, ecc.
  • Farmaco psicotropo: Qualsiasi farmaco che agisce sulla propria esperienza psichica o sul comportamento dell'umore.
  • Disintossicazione rapida: Disintossicazione assistita da anestesia (iniezione di alte dosi di un antagonista degli oppiacei, seguita da un'infusione di naloxone).
  • Recettore: Proteina sulla membrana o citoplasma di una cellula bersaglio con cui un farmaco interagisce.
  • Recidività: Il ritorno a un comportamento negativo (ricaduta) (ad es. uso di droghe).
  • Tassi di recupero: La percentuale di persone dipendenti sottoposte a trattamento che partecipano all'astinenza nel loro primo anno.
  • Guarigione: Ridurre o cessare l'abuso di sostanze; spesso seguito da una vita personale che viene ribaltata attraverso un ambiente di supporto.
  • Prevenzione delle ricadute: Un processo terapeutico che interrompe le credenze e i comportamenti che si traducono in disfunzioni dello stile di vita.
  • Ricadere: Recidiva dei sintomi dopo un periodo di sobrietà o cessazione dell'uso di droghe.
  • Remissione: Un periodo senza sintomi.
  • Tolleranza invertita: Quando una dose più bassa di un farmaco produce lo stesso effetto desiderato o osservato che in precedenza risultava solo con dosaggi più elevati.
  • Vagliatura: Strumento di misurazione dell'entità della propria dipendenza (ad esempio, questionario di auto-compilazione / valutazione della storia di vita).
  • Gruppo di auto-aiuto: Gruppo di persone che si occupano di problemi simili che si incontrano per sostenersi a vicenda e condividere informazioni utili (ad esempio AA).
  • Effetti collaterali: Effetti secondari di un farmaco; questi sono di solito indesiderabili.
  • Negazione sociale: La negazione da parte della società del valore storico del piacere e dell'euforia indotti dalla droga.
  • Steroidi: Un gruppo di alcoli insaturi ciclici e solidi (ad esempio colesterolo).
  • Stimolante: Farmaci che agiscono sul SNC, con conseguente vigilanza, eccitazione e veglia.
  • Straight-Edge: Un termine per le persone che non fanno uso di droghe.
  • Sublinguale: Farmaci che entrano nel sangue attraverso le membrane sotto la lingua.
  • Abuso di sostanze (dipendenza chimica): Un modello disadattivo di uso ricorrente di sostanze che porta a compromissione o angoscia clinicamente significativa.
  • Dipendenza da sostanze: Uno stato adattivo che si sviluppa dalla somministrazione ripetuta di farmaci e che si traduce in sintomi di astinenza.
  • Sinergismo: L'effetto maggiore che si verifica quando si prende più di un farmaco contemporaneamente.
  • Sintetico: Non naturale.
  • Talco: Sostanza pericolosa utilizzata nella produzione di prodotti farmaceutici.
  • Comunità terapeutica: Un ambiente in cui persone con problemi simili possono incontrarsi per sostenere il recupero reciproco.
  • Dipendenza terapeutica: Tendenza dei pazienti a dimostrare comportamenti di ricerca di farmaci perché temono i sintomi di astinenza.
  • Titolazione: L'aggiustamento graduale della quantità di un farmaco.
  • Tolleranza: Condizione in cui si deve aumentare l'uso di un farmaco per avere lo stesso effetto.
  • Tossicità: Un grado di velenoso.
  • Tranquillanti: Un tipo di farmaco che può aiutare ad alleviare i sintomi di una grave psicosi.
  • Grilletto: Tutto ciò che si traduce in ricadute psicologiche e poi fisiche.
  • Ups o Uppers: Farmaci che producono un effetto euforico (ad esempio stimolanti, anfetamine).
  • Ciclo Urge-Peak: Picchi di urgenza in corso, di solito seguiti da ricadute.
  • Urge-Picco: Un improvviso, imprevedibile aumento delle voglie di dipendenza; di solito comportano un'inconsapevolezza mentale temporanea (ad esempio non rendendosi conto della quantità di bevande che si sono bevute).
  • Esorta: Desideri meno potenti delle voglie; può essere soppresso dalla forza di volontà.
  • Utente: Termine obsoleto usato per descrivere uno che abusa di alcol o droghe.
  • Sintomi di astinenza: Sintomi fisici ed emotivi gravi e lancinanti che si verificano generalmente tra 4 e 72 ore dopo l'astinenza da oppiacei (ad esempio, lacrimazione degli occhi, sbadiglio, perdita di appetito, panico, insonnia, vomito, tremori, irritabilità, nervosismo, ecc.).
  • Sindrome da astinenza: Le reazioni o i comportamenti combinati che derivano dalla brusca cessazione di un farmaco da cui dipendono.
  • Ritiro: La brusca diminuzione o rimozione del dosaggio regolare di una sostanza psicoattiva.